poesie di Gianni Rodari

 

 

Il mago di Natale
S'io fossi il mago di Natale
farei spuntare un albero di Natale
in ogni casa, in ogni appartamento
dalle piastrelle del pavimento,
ma non l'alberello finto,
di plastica, dipinto
che vendono adesso all'Upim:
un vero abete, un pino di montagna,
con un po' di vento vero
impigliato tra i rami,
che mandi profumo di resina
in tutte le camere,
e sui rami i magici frutti: regali per tutti.
Poi con la mia bacchetta me ne andrei
a fare magie
per tutte le vie
Tutto questo farei se fossi un mago.
Per˛ non lo sono
che posso fare?
Non ho che auguri da regalare:
di auguri ne ho tanti,
scegliete quelli che volete,
prendeteli tutti quanti.

 

 

 

Sfondo: Il Sacro Monte di Manuela Vasconi

 

L'anno nuovo
Indovinami, indovino,
tu che leggi nel destino:
l'anno nuovo come sarÓ?
Bello, brutto o metÓ e metÓ?
Trovo stampato nei miei libroni
che avrÓ di certo quattro stagioni,
dodici mesi, ciascuno al suo posto,
un carnevale e un ferragosto,
e il giorno dopo il lunedý
sarÓ sempre un martedý.
Di pi¨ per ora scritto non trovo
nel destino dell'anno nuovo:
per il resto anche quest'anno
sarÓ come gli uomini lo faranno.

 

Speranza
Se io avessi una botteguccia
fatta di una sola stanza
vorrei mettermi a vendere
sai cosa? La speranza.
"Speranza a buon mercato!"
Per un soldo ne darei
ad un solo cliente
quanto basta per sei.
E alla povera gente
che non ha da campare
darei tutta la mia speranza
senza fargliela pagare