Fermo Formentini, biografia

 

 Dedicato a Fermo Formentini, amico carissimo, in omaggio alle sue opere, un ringraziamento.

                            IL PRESEPE DI RADICI DI FERMO FORMENTINI

Fermo Formentini nasce a Bosco Valtravaglia l'8 agosto 1919, quarto di cinque fratelli, lontano parente di Marco Formentini, insigne economista e cultore di studi storici, anch'egli di Bosco Valtravaglia (i due sono, curiosamente, nati nella stessa casa e nella stessa stanza!).
Fermo vive a Bosco Valtravaglia con la consorte, l'ex maestra elementare Alda Ferrari. Dopo aver lavorato a lungo in un negozio di articoli sportivi, nel 1975, andato in pensione, Fermo ha iniziato a dedicarsi alla sua passione, la ricerca delle radici e la loro lavorazione per trarne dalla materia informe figure di notevole espressivitÓ.
Artigiano del legno, capace di trarre dalla materia informe oggetti dalla notevole espressivitÓ, Ŕ sostanzialmente un autodidatta; ha infatti seguito da ragazzo un corso serale di disegno e pittura tenuto a Mesenzana. Oltre alla pittura e al disegno (Fermo Ŕ autore di numerosi quadri), si dedica anche alla poesia, sia in lingua che in vernacolo.
Ma il suo pi¨ grande interesse sono le radici. Egli afferma di essere affascinato dalla natura col suo progressivo disfarsi e rinnovarsi, trascorre parte del suo tempo libero nel bosco, lý, da solo, davanti alle numerose sporgenze e rientranze di una ceppaia, magari in parte modellata dal tempo e dagli eventi atmosferici, ne studia le parti e sa vedere nel pezzo la figura che potrÓ nascere, gioioso la porta nel suo piccolo laboratorio, ne rimuove le impuritÓ e con un tocco di vernice trasparente o di colore crea oggetti di notevole bellezza, il rinvenimento di un pezzo dalla bizzarra forma di cammello lo ha fatto pensare ai Magi e da qui l'idea di un presepe di solo radici.
Il primo anno i personaggi furono solo otto ma nel giro di quattordici anni sono diventati centoquaranta e pi¨.
Le radici di carpino, nodose, tormentate, hanno dato vita a personaggi e animali affaticati, quelle di robinia, di castagno, di faggio, di betulla, meno contorte, a figure pi¨ lineari, quelle di edera lisce e di un bel colore chiaro a ponticelli e staccionate, il sambuco, svuotato, a pozzi, la glicine ad arabeschi caratteristici.
Un visitatore ha definito il suo presepe <<luogo sacro, depositario di tutti i segreti della natura>>.
Formentini non si considera il creatore del presepe, ma semplicemente lo scopritore delle meraviglie che la natura sa creare e attende chi sa riconoscere e valorizzare le bellezze delle sue forme.
La fase di ricerca del materiale Ŕ di fondamentale importanza per la creazione e il continuo arricchimento del presepe. Infatti ogni anno Formentini sostituisce alcune figure con delle nuove per variare le caratteristiche della sua opera d'arte e per la gioia di chi torna ogni Natale a Bosco Valtravaglia proprio per ammirare il suo straordinario presepe.
Il libro degli ospiti, del quale Fermo Ŕ orgoglioso, vanta alcune firme eccellenti, tra le quali quella del Cardinale Martini, allora Arcivescovo di Milano, che nel 1996 visit˛ il presepe. Significativa pure la presenza di alcuni critici d'arte, anche stranieri che hanno esaltato la creativitÓ e l'abilitÓ con cui il Formentini ha saputo creare un'opera d'arte unica al mondo.
Dal 1987, quando lo ha allestito per la prima volta, dedica gran parte del proprio tempo libero al presepe di radici, visitabile in un locale della chiesa di S. Maria Annunciata di Bosco Valtravaglia.

 


Il "Presepe di Radici di Fermo Formentini" Ŕ esposto in permanenza presso la Chiesa dell'Annunciazione in Bosco Valtravaglia (Montegrino -VA)

Ú curato e gestito dall'Associazione Culturale "Amici di G. Carnovali detto il Piccio"

Per informazioni e visite rivolgersi allo 0332 508203

Fermo Formentini e la consorte Alda Ferrari

Casa Natale di Fermo Formentini

Risoluzione consigliata 1024x768 pixel

Contatti-Info@ilpiccio.it